Mail

Posta Elettronica Certificata (PEC): cos'è e come funziona?



PEC è un acronimo utilizzato per indicare la posta elettronica certificata. L'introduzione di questo sistema di comunicazione tramite e-mail non è particolarmente recente, ma ancora non se ne apprezzano appieno le su vere potenzialità, nonostante per alcuni enti (come le comunicazioni tra imprese e gli scambi di informazioni relativi alla Pubblica Amministrazione) rappresenti ormai uno standard obbligatorio. La disciplina della legge italiana definisce la PEC come metodo di messaggistica elettronica in grado di garantire un valore legale alla comunicazione.

Questa caratteristica fa sì che ogni e-mail, a patto che questa sia inviata con un sistema PEC, possa essere paragonata a una normale raccomandata cartacea con avviso di ricezione.

Il funzionamento della PEC è piuttosto simile a quello della posta elettronica tradizionale, con alcune differenze riguardanti le dinamiche di invio, ricezione e visualizzazione.

È possibile, per esempio, certificare per intero il contenuto (sia questo di testo, sia con immagini o file multimediali di vario tipo), con una firma digitale realizzata appositamente. Inoltre, ogni utente che decide di avvalersi dei servizi di tipo PEC può scegliere di criptare il contenuto, implementando alla propria comunicazione importanti peculiarità di riservatezza, utili in numerosi contesti professionali e non.

PEC: quali sono i vantaggi, e perché utilizzarla?

Come già anticipato, non esistono limiti relativi ai formati dei file digitali inviati tramite procedure di PEC. Questo sistema, inoltre, sottopone il destinatario alla piena responsabilità in caso di mancata lettura: a questo proposito, il gestore del servizio (l'azienda che si occupa della gestione dei dati inviati e ricevuti da ogni utente) può consegnare in tempi relativamente brevi una prova dell'invio, in modo da certificare il contenuto. Quest'ultimo vantaggio non avviene con l'utilizzo della posta cartacea, in cui il materiale all'interno dei plichi può essere oggetto di modifiche illecite.

Infine è bene citare l'obbligo, per i gestori, di mantenere un log dei messaggi, inviati o ricevuti, nell'arco di trenta mesi dallo scambio.

A tutti questi pregi è bene aggiungere la tracciabilità della casella del mittente, oltre a un possibile risparmio in termini economici. I costi di gestione delle raccomandate cartacee, infatti, potrebbero presentare cifre superiori, rispetto alle somme da versare alle aziende intermediarie in grado di offrire ai propri clienti funzionalità di tipo PEC.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna