Domini

Nuovi gTLD: .wine e .vin

Un'occasione importante per il Made in Italy

Nella prima metà del 2012 l’ICANN ha aperto la possibilità di richiedere la registrazione di nuovi domini di primo livello in aggiunta ai tradizionali .com , .net, .it , .eu, etc.: i nuovi gTLD sono stati resi utilizzabili intorno a metà 2013.

Da allora abbiamo assistito al proliferare di nuovi nomi, più o meno utili e strani. Il mese scorso è stata molto apprezzata dalle aziende l'estensione .srl; ci si aspetta che i due nuovi domini generici .wine e .vin in arrivo tra novembre 2015 e gennaio 2016 possano riscuotere altrettanto successo. Le ragioni di marketing dietro a questa previsione  sono evidenti: finalmente aziende vinicole, cantine e appassionati del vino potranno presentare i propri prodotti online con maggiore riconoscibilità ed affidabilità. Questi nuovi domini appaiono nell'anno in cui Expo ha aiutato ad aumentare le esportazioni di prodotti Made in Italy del 4,9% nei primi sei mesi del 2015. Il settore alimentare continua ad aumentare la sua presenza anche online: fra i diversi comparti risulta tra quelli più vivaci visto che le vendite in e-commerce dedicati sono cresciute del 18%. Questi dati, pur essendo stati accolti da grande soddisfazione, sollevano anche il problema delle contraffazioni dei nostri prodotti: l'Ue chiede quindi cautela nell'assegnazione di questi nuovi domini, rispondendo alle richieste di tutela da parte dei produttori italiani.

Come riporta Corriere Informazione, i titolari di un marchio registrato potranno beneficiare di un periodo dedicato (60 giorni) per registrare in anticipo il proprio nome sotto l'estensione wine o .vin. Tale fase, è cominciata il 17 Novembre 2015 e si concluderà il 16 Gennaio 2016; dal 20 Gennaio è prevista la vera e propria apertura al pubblico dei domini. Investire in un buon dominio è un modo di tutelare la qualità italiana, non solo una scelta di marketing. Cin cin!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna